1 Commento

Lubuntu 12.04 Precise Pangolin – Recensione

Qualche giorno fa ho fatto una promessa a chi mi segue su Facebook oppure su Twitter: una recensione di Ubuntu 12.04 Precise Pangolin che di lì a poco avrei provato. Bene, non posso mantenere la promessa, perché non ho provato Ubuntu, ma ho invece installato Lubuntu e quindi recensirò quest’ultima.

Cosa è questa Lubuntu?

Lubuntu non è nient’altro che una versione (finalmente inserita in quelle che vengono definite “derivate ufficiali”) di Ubuntu che ha come obiettivo la leggerezza, in modo da funzionare su sistemi non troppo moderni e quindi dotati di scarse risorse hardware. Questo compito, fino ad ora, lo aveva avuto Xubuntu con scarsi risultati, secondo me, in quanto XFCE è sì più leggero di GNOME/Unity, ma mica poi di tanto. LXDE, invece, richiede sul serio pochissime risorse hardware e rende così Lubuntu la scelta perfetta per chi vuole continuare a utilizzare il proprio vecchio pc oppure per chi vuole un ambiente grafico senza troppi fronzoli e vuole lasciare che le risorse hardware siano disponibili per altre faccende.

Installazione

Io ho effettuato l’installazione tramite l’immagine Alternate (quella studiata per pc con poche risorse hardware, senza grafica) e non è affatto difficile, magari un po’ “brutto” a vedersi, ma l’utente viene seguito passo passo durante la procedura guidata. Immagino, dunque, che il programma grafico di installazione non sia molto diverso e che la distribuzione sia facile da installare per la stragrande maggioranza degli utenti.

Opinioni

Non c’è che dire, mi sono subito trovato a mio agio in Lubuntu, soprattutto perché già utilizzavo LXDE su altre macchine. Ovviamente prima di diventare una derivata ufficiale, Lubuntu ha dovuto allinearsi con il resto della famiglia producendo un tema grafico e un tema di icone davvero piacevoli e con dei colori dominati da un blu-azzurro molto bello. Assolutamente azzeccato.

Per mantenere la leggerezza la suite d’ufficio LibreOffice viene sostituita da AbiWord e GNUmeric, ma i repository sono gli stessi di Ubuntu, quindi utilizzando il Software Center si potrà installare Libre Office con un paio di click. Già, il Software Center. Da questa versione Lubuntu è dotata di un vero Software Center che si rifà a quello della sorella maggiore con un’interfaccia che rimane leggera, ma con tutte le funzioni che servono. Questa forse è stata l’innovazione maggiore rispetto alle versioni precedenti.

Infine, ricordo che se Ubuntu 12.04 è una LTS (Long Term Support), Lubuntu 12.04 non lo è. Si avranno, quindi, aggiornamenti per un anno e mezzo, dopodiché bisognerà aggiornare il proprio sistema a una versione più recente.

Coordinate

QUI potete scaricare Lubuntu 12.04.

Un commento su “Lubuntu 12.04 Precise Pangolin – Recensione

  1. Posso farti i complimenti? Finalmente un Blog Linux dove “raccoglie” impressioni personali e non i soliti e noiosi “copia-incolla” Bravo!!! Da oggi in poi dovrai “sopportarmi”, sei in prima lista nel mio “google reader”.
    Sono completamente concorde con “LXDE” per i pc datati. Io però uso al momento Mint12 lxde ma Lubuntu mi…affascina e questo tuo reportage mi incuriosisce.
    Ancora bravo e alla prossima

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: