Lascia un commento

Gli EeePC con Ubuntu sono disponibili in Italia. E sentite che prezzi!

Qualche tempo fa vi avevo parlato dell’imminente rilascio di nuovi netbook da parte di Asus. Normalmente non do notizie di questo genere (anche perché, data la quantità e la frequenza dell’uscita di nuovi modelli sul mercato, diventerei scemo per stargli dietro…), ma quella volta mi aveva colpito scoprire che Asus aveva deciso, dopo il primo, disastroso approccio a Linux con Xandros preinstallata sugli EeePC da 7 pollici, di presentare un paio di macchine con Ubuntu preinstallato. E questa volta sono macchine vere, non quella specie di “versione beta” dei netbook che oggi tutti conosciamo (e qualcuno da per morti a favore dei tablet… mah…).

Finalmente oggi torno a parlarne perché sono disponibili in Italia due modelli di EeePC con Ubuntu preinstallato, uno da 10 pollici e l’altro da 12 pollici. “Tagli” intermedi non ce ne sono e non ce ne saranno, visto che Asus ha deciso di eliminare la catalogo i modelli da 9 e 11 pollici.

Che dire? Voi lo comprereste? Io sinceramente un pensierino lo farei, visto anche il prezzo di lancio che è veramente ghiotto. Ora non ci penso nemmeno tanto visto che una nuova macchina desktop è in arrivo (e, se tutto andrà come deve andare, ci saranno sorprese, seguitemi attraverso i Feed RSS per non perdervi la notizia! :D) e visto che il mio fido nerdbook sembra avere ancora tantissimo voglia di lavorare (in questi ultimi tempi gli ho dato davvero parecchio da fare, poverino…).

Sicuramente la mancanza di un sistema operativo Windows ad alcuni può dar problemi, non mi voglio impelagare in discorsi vari ed eventuali, ognuno la pensa come vuole (io stesso ho una visione tutta mia della faccenda, veramente molto articolata) però in alcuni campi e per certi compiti è imprescindibile l’utilizzo di una macchina Windows. Sarà per colpa di accordi commerciali o delle software houses spesso ottuse, ma tant’è.

Sta di fatto che un netbook è una macchina pensata per svolgere compiti semplici in estrema mobilità. Non vuole diventare la macchina di riferimento di una persona che ha bisogno di un computer, sarebbe impensabile. O, perlomeno, io non vedo un’aggeggio da 10 (o 12) pollici come una soluzione capace di vivere da sola. Preferisco averla per fare determinate cose in mobilità e avere un apparecchio più potente che mi aspetta a casa impaziente di sfoderare tutta la sua potenza per lavorare come si deve seduto su una poltrona. Poi ognuno ha le sue esigenze, chiaramente. Per svolgere queste poche operazioni Ubuntu va più che bene (spesso e volentieri è anche di troppo) quindi, se ben pubblicizzate, questi nuovi netbook potranno riscuotere un discreto successo, secondo me.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: