1 Commento

Sulla sicurezza informatica

In riferimento alla storia pubblicata stamattina, ho notato che sempre più spesso il “metodo” consigliato da chi si spaccia per esperto di informatica per combattere i cosiddetti “virus” è cambiare fornitore di software e hardware scegliendo prodotti della mela morsicata. Nemmeno più un antivirus ci basta per stare al sicuro, ci vuole la potenza di Apple che dall’alto dei dollaroni richiesti per i propri prodotti assicura un sistema funzionante e senza problemi di sicurezza. Sono d’accordo sul fatto che effettivamente i prodtti Apple funzionino e lo fanno pure bene, sicuramente meglio di quegli altri là, quelli che sventolano la loro bandierina colorata.

Sfatiamo il primo mito: non esiste un sistema imformatico sicuro al 100%. Vi porto un esempio. Se io ipoteticamente fossi fortemente interessato a dei dati custoditi sul vostro computer e fossi fortemente deciso a impossasrmene, potrei farlo. Come? Intrufolandomi in casa vostra, nel peggiore dei casi sfondando un muro, portandomi a casa il vostro computer e scoprendo tutte le password che voi avete impostato a qualsiasi livello. Anche la password più difficile non è completamente sicura, perchè una volta portato il vostro computer a casa mia basterà, sempre nel peggiore dei casi, provare ogni possibile combinazione di caratteri presenti sulla tastiera e prima o poi scoverò la password esatta. È solo questione di tempo. Tempo che posso risparmiare facendo fare il lavoro a uno o più computer. Dopodichè avrò pieno accesso a tutto ciò che è salvato nella vostra macchina.

Ricordiamoci sempre che il computer sicuro al 100% è quello spento o, meglio ancora, mai acceso. Ovviamente una macchina mai accesa si trasforma in un costoso soprammobile quindi vediamo come difenderci dagli attacchi a cui quotidianamente siamo esposti.

Se usate Windows vi conviene installare un buon antivirus e mantenerlo sempre aggiornato, *sempre*. Non possiamo sperare che il nostro antivirus riconosca un virus “inventato” ieri se lui conosce solo quelli che erano stati scoperti fino all’altroieri.

Se usate MacOS o una qualsiasi distribuzione GNU/Linux, solo per citare i due sistemi operativi più famosi non-Microsoft, non dovreste aver bisogno di alcun antivirus in quanto ad oggi il codice malevolo scritto appositamente per loro è ancora estremamente basso e inoltre la loro struttura (sulla quale non mi soffermo, perchè non è importante ai fini del discorso e anche perchè le mie conoscenze non mi rendono in grado di fare un approfondimento completo ed esauriente) li rende molto meno apettibili e vulnerabili. Ma occhio: “molto meno vulnerabili” non significa “inattaccabili”.

La regola generale è sempre, *sempre* quella di fare bene attenzione a cosa si installa sulla propria macchina, evitare programmi che provengono da fonti non attendibili, evitare di aprire allegati ad e-mail di dubbia provenienza, evitare di cliccare durante la navigazione internet su qualsiasi cosa lampeggi, prometta vincite a concorsi senza alcuna spesa o fatica, avvisi che abbiamo ricevuto messaggi da chissà chi. Tutte cose che, con un po’ di buon senso, possiamo intuire non essere sicure o possono trarci in inganno. Di solito questi banner pubblicitari servono solo per fare più pubblicità alla propria azienda o servizio, ma a volte possono contenere brutte sorprese, rischio che si moltiplica sotto forma di dialer e simili se stiamo visitando siti dalla dubbia moralità.

Non bisogna essere dei geni dell’informatica per difendersi e per mantenere il nostro computer pulito, efficiente e sicuro, basta un po’ di buon senso e la voglia di leggere e di analizzare ciò che non ci convince.

A meno che io non stia progettando di entrarvi in casa con un bulldozer per prendermi il vostro computer. In quel caso siete davvero spacciati! :-D

Annunci

Un commento su “Sulla sicurezza informatica

  1. trovo che la frase:"Intrufolandomi in casa vostra, nel peggiore dei casi sfondando un muro, portandomi a casa il vostro computer e scoprendo tutte le password che voi avete impostato a qualsiasi livello." renda abbastanza l'idea di "attacco brute-force"… XDper il resto, concordo pienamente… aggiungerei solo per la sezione win che ormai l'antivirus non basta più, ormai bisogna fare ogni tanto anche una scansione con un anti-adware/malware/spyware che da un po' di anni "vanno molto di moda".per quel che riguarda i geni dell'informatica… mi sono sentito appellare così un bel po' di volte e come ho sempre detto:"Non è che ne so più degli altri… mi informo, faccio attenzione e soprattutto LEGGO! Cosa che la gente normalmente non fa. La gente clicca su avanti il più velocemente possibile."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: