2 commenti

Fra meno di dieci anni Facebook avra` cessato di esistere

Riprendo un’interessante intervista di Anna Masera pubblicata sul sito de La Stampa. La giornalista ha intervistato Eben Monglen, avvocato firmatario di tutte le licenze GPL di Stallmann. Se non sapete chi e` fate una ricerchina su questo blog oppure su Google.

Copio e incollo l’intervista (che potrete, non so fino a quando, leggere in originale a questo link), in modo da non perderla nei meandri del web.

Professor Moglen, che cosa le sta più a cuore e a quale progetto sta lavorando in questo periodo?
“Sono preoccupato per la società orwelliana in cui ci siamo infilati con i social networks proprietari che ci spiano riempiendo le tasche dei loro fondatori e deprivando i cittadini della loro libertà, che ne siano consapevoli o meno. Per questo, sono fiero di poter mostrare il mio nuovo progetto, la Freedom Box“.

Esce dalla stanza e torna con una scatoletta in mano: assomiglia a un vecchio modem. Un pezzo di hardware metallico con una serie di ingressi e di uscite, che si collega alla presa del telefono al muro da una parte, e al computer dall’altra. Sopra campeggia un adesivo bianco con la scritta grande rossa: FREEDOM BOX(scatola della libertà).

Che cos’è?
E’ un sistema per disintermediare tutte le comunicazioni, in modo da mettere in contatto solo gli utenti fra di loro. Per cui nessun Grande Fratello può intercettare. Per ora è un prototipo, ma presto presenteremo la versione beta e speriamo di commercializzarla entro l’anno”.

Detta così, promette di essere rivoluzionaria.
“Qui negli Usa se hai un cellulare e un fornitore di rete, per esempio Sprint, sei certo che un qualsiasi funzionario delle forze dell’ordine in qualsiasi momento può ottenere di sapere la tua esatta località. Così: privacy addio per milioni di persone. Il grande affare della telefonia di oggi è che possiamo tutti essere spiati. La fondazione per il software libero è grazie al cielo piena di hacker bravi ed etici che si stanno impegnando per risolvere il problema”.

Siamo nell’era della sorveglianza globale?
“Le tecnologie su cui ci basiamo per restare connessi sono infette da strati di sorveglianza che ci può solo danneggiare”.

Di chi è la colpa?
“Nella storia di Internet, ci sono diversi colpevoli che hanno trasformato il Web in uno strumento di controllo. Ma io punto il dito contro uno in particolare”.

Chi?
“Mr. Mark Zuckerberg (il fondatore di Facebook, ndr) ha fatto più danni alla razza umana di chiunque altro alla sua età”.

Perchè?
“Perchè Zuckerberg ha raccolto l’energia dei nostri desideri sociali e ci ha convinti ad accettare un terribile imbroglio. Tutti hanno bisogno di andare a letto con qualcuno, e lui ne ha approfittato creando una struttura per degenerare l’integrità della personalità umana. La sua offerta è stata “vi do accesso gratis al Web e ai contatti umani, e voi vi lasciate spiare gratis tutto il tempo”. Con questo non dico che Facebook debba essere illegale. Ma noi guru delle tecnologie dobbiamo porre rimedio a questo scempio. Ne siamo in grado, e presto Facebook sarà obsoleto”.

Non è una previsione azzardata? Sta andando a gonfie vele…
“Ma non c’è alcun motivo per cui l’architerttura di un social network debba includere una tale invasione della privacy. Di fatto, l’hardware e il software necesario per costruire una rete in cui la gente mantiene il controllo diretto delle proprie informazioni, senza intermediari, già esiste. Bisogna solo costruire un sistema migliore.  Zuckerberg si merita bellamente di andare in bancarotta”.

Ma per la maggioranza degli internauti di oggi, Facebook è equivalente al concetto di social network. E’ il mezzo che ci permette di comunicare in modi impensabili prima, è la terra promessa del World Wide Web… offre uno spazio in cui dialogare, connettersi, condividere musica, foto, le storie della nostra vita, uno spazio per esprimere chi siamo e imparare. E piace un sacco a tutti. I numeri sono dalla sua parte. Tanto che è prevista una quotazione in Borsa che batte i record di tutti i tempi. Difficile immaginarne il declino…

“Io prevedo un tracollo di Facebook. La gente si sta già ribellando allo sfruttamento e alla commercializzazione delle proprie informazioni personali. Facebook usa i nostri dati, carpiti dalla banca dati che non vediamo nel codice della sua rete ma che contiene tutti i suoi miliardi di utenti, per arricchirsi, li vende ai migliori offerenti.  Io sto costruendo un’alternativa per social networks trasparenti e verificabili, che rispettino la nostra libertà. Quando sarà possibile scegliere, penso che la gente sceglierà la libertà e manderà quell’arrogantello signor Zuckerberg a farsi fottere”.

Ma c’è chi dice che l’era dei social networks ci ha talmente cambiato la vita che la privacy sta diventando sempre meno un valore da difendere, in cambio della comodità dei servizi che otteniamo in cambio.

“Tutte cazzate. La privacy non è un’idea antiquata. E’ come dire che l’aria fresca è antiquata, quando sei un inquinatore. Sappiamo tutti che invadere la privacy della gente è sbagliato. Non abbiamo abolito le leggi che dicono che è un crimine guardare nelle finestre delle case delle persone o rubare le loro informazioni personali. Il problema è che Facebook non usurpa la privacy di un individuo solo che sceglie di lasciarsela usurpare, ma poichè questo a sua volta clicca sulle informazioni dei suoi amici, usurpa anche loro. Per fortuna fuori dagli Usa c’è chi se ne preoccupa: e l’Europa svetta nell’opposizione a Facebook, come una volta fece contro il monopolio di Microsoft. C’è speranza perchè se incominciano a ribellarsi gli utenti, che sono il patrimonio di Facebook, l’impero di Zuckerberg è destinato a crollare”.

Ma perchè questo accada serve una rete alternativa più sicura, decentralizzata: esiste?   

“Ne abbiamo fondata da poco una, grazie a quattro studenti della New York University che mi hanno preso in parola: Daniel Grippi, Maxwell Salzberg, Raphael Sofaer e Ilya Zhitomirskiy hanno fondato il progetto Diaspora, un social network alternativo che è open-source, rispetta la privacy, e controllato dagli utenti. Utilizzano i loro nodi, decentralizzati, e salvano le informazioni localmente. Purtroppo Zhitomirskiy, il più idealista del gruppo, è morto, secondo alcune fonti si sarebbe suicidato, fatto sta che la sua perdita è stata un duro colpo ma il progetto Diaspora continua.

Un altro progetto alternativo di social network è affiliato con il movimento Occupy e con gli Indignados spagnoli e si chiama Global Square, che si è poi evoluto nella Federated General Assembly. Serve pazienza. Il software libero si muove lentamente perchè non ha soldi. Ma prima o poi ci arriva. Facebook è un sistema chiuso che può dare alla gente solo quello che già ha ricevuto. In futuro, potranno avere tutto quello, e in più la privacy che desiderano. Perchè è vero: la gente rinuncia alla privacy per convenienza, ma se possono avere entrambe, prima o poi scelgono l’opzione che offre anche la libertà. La tesi dietro all’Ipo di Facebook è che se hanno intrappolato un miliardo di persone, possono presto intrappolarne due miliardi. Ma non accadrà: avremo social networks federati nel giro di pochi mesi”.

Vuole azzardare una previsione?
“Fra più di 12 mesi, ma meno di dieci anni, Facebook avrà finito di esistere”.

About these ads

2 commenti su “Fra meno di dieci anni Facebook avra` cessato di esistere

  1. Ho visto che si può già chiedere un invito a Diaspora. Tu che sei uno smanettone potresti provare ad installare un tuo server per Diaspora :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 143 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: