Lascia un commento

La forza del Free Software: quello che gli altri non vogliono

E’ di oggi la notizia dei nuovi problemi di salute di Steve Jobs, CEO di Apple. Sull’argomento non aggiungerò una parola perché il nostro amico ci può facilmente raccontare tutto quello che c’è da sapere, lui è sempre bene informato; chiudo l’incipit con i più sinceri auguri di pronta guarigione al nostro (ricordo che questo blog si parla spesso di Free Software) nemico benevolo.

Questa notizia mi da la scusa per scrivere due righe che avevo in mente già da un po’ di tempo.

La forza di Microsoft è sempre stata la sorta di monopolio che ha sui sistemi preinstallati che hanno reso Windows e i suoi programmi standard “de facto”. Come non pensare ai formati di documenti di Office o al browser Internet Explorer. La maggior parte della gente utilizza software Microsoft anche se sa che è software scadente solamente perché non conosce le alternative, oppure perché non ha per niente voglia di cambiare, o ancora perché pensa che “tutti” usino quegli standard e quindi sarebbe stupido effettuare un cambiamento. Per fortuna negli ultimi tempi qualcosa si sta muovendo e sempre più persone iniziano a usare sistemi basati su Linux oppure pc Apple.

La forza di Apple è invece una persona. Steve Jobs. Hanno provato a cacciarlo, ma sono dovuti tornare da lui strisciando per evitare il tracollo, anni fa. Da allora il signor Jobs ha creato dei prodotti, ha risanato un’azienda, ha creato, di fatto, un marchio conosciuto in ogni angolo del pianeta. Ha creato intorno alla sua azienda (e di conseguenza intorno ai suoi prodotti) un’aura quasi magica fino al punto che un utente medio di qualsiasi dispositivo marchiato con la mela morsicata crede di avere il diritto di guardarti dall’alto in basso. Effettivamente i prodotti Apple sono di qualità e soprattutto il software è un buon software (ricordiamoci però da dove viene quel software e da dove viene il nostro, scavando, scavando, io sento la stessa puzza, e voi?).

E noi cosa abbiamo? La nostra forza risiede nella comunità. Quello che gli altri non vogliono, perché le loro “comunità” sono formate da semplici clienti, non un vero utente le cui esigenze devono essere ascoltate, capite e soddisfatte. Una comunità vastissima (e se pensiamo che, secondo i dati ufficiali siamo solo l’1% degli utenti informatici capiamo facilmente quanti soldi guadagnino “gli altri due”) che contribuisce giorno per giorno, mattone su mattone a creare il software (e qualcuno anche l’hardware).

Io penso che sul lungo periodo siamo potenzialmente in vantaggio noi. Il giorno che Microsoft perderà il monopolio che detiene su molti aspetti potranno chiudere, se continueranno così. Penso e spero per loro che cambino politica prima di quel giorno. Ne guadagneremmo tutti.

Apple, essendo legata a un solo uomo è altamente instabile è solo questione di tempo. Malattia o no (in queste pagine non si vuole augurare il male a nessuno, sia ben chiaro) tutti dobbiamo cambiare posto. Dobbiamo andare in Paradiso, all’Inferno, nell’Ade, semplicemente decomporci sgranocchiati dai batteri, vedetela come vi pare, ma non saremo su questa terra per sempre. Penso che Steve debba velocemente trovare un vero successore che possa prendere le redini dell’azienda anche se sono scettico sul fatto di riuscire a individuare una persona come lui. Insomma, Apple è bella e scintillante. Finché dura.

Noi invece noi siamo legati a nessuno. E’ vero, ci sono aziende che contribuiscono in modo fondamentale al sostentamento del software libero, ma tutto è iniziato con dei volontari e gran parte del lavoro è svolto ancora da persone che lo fanno perché ci credono. Se uno si stufa se ne troverà un altro, ognuno può dire la sua, alla fine saranno gli utenti a decidere. Io penso che il Software Libero abbia di fronte a sé ancora molti anni di prosperità. Il problema sta sempre nel giocare bene le proprie carte. Lo avevo già detto e lo ripeto. Stiamo crescendo, facciamo belle cose, non sprechiamo energie e facciamo quello che è meglio per la comunità. Così facendo, ne sono sicuro, riusciremo a emergere.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 145 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: